Un mutamento reversibile

La crisi climatica attraverso le Conferenze delle Parti delle Nazioni Unite



Autore:
Collana: Architettura, Urbanistica, Ambiente
Formato: 15 x 21 cm
Legatura: Filorefe
ISBN13: 9788849241860
ISBN10: 9788849241860
Ub.int: T802A VFDS

Anno di edizione:
Pagine: 224

Contenuto: Il sistema climatico e la sua variabilità hanno catturato l'attenzione di molti scienziati fin dalla prima metà del XIX secolo. Le osservazioni effettuate sulle componenti chimico-fisiche del clima portarono alla conclusione che alcuni gas presenti in atmosfera avevano la capacità di intrappolare il calore radiante riflesso dalla Terra, dando luogo all'effetto serra. Un fenomeno, questo, positivo per la vita stessa dell'ecosistema terrestre, ma che è diventato un problema a causa del progressivo aumento della concentrazione di tali gas in atmosfera, a partire dalla prima rivoluzione industriale: aumento che ha provocato un riscaldamento anomalo del Pianeta, generando una crisi senza precedenti. I cambiamenti climatici rappresentano la conseguenza più eclatante dell'incremento della temperatura della Terra


«Il libro di Roberto Venafro non è prezioso solo per quanti vogliono approfondire le pagine più importanti che hanno segnato l'evoluzione della diplomazia del clima. Lo anima una profonda passione civile che mai appanna il rigore del racconto e dell'analisi puntuale che hanno seguito innanzitutto la storia delle COP (Conferenza delle Parti dell'UNFCCC) susseguitesi dal 1995 ad oggi.»
dalla prefazione di Ermete Realacci



Roberto Venafro in Edison dal 2007 è, attualmente, responsabile dell'Area Ambiente e Cambiamento Climatico. Ingegnere civile, studioso attento dei processi evolutivi dell'urbanistica contemporanea in relazione alle qualità e sostenibilità delle infrastrutture territoriali, ha scritto lungamente per la Rivista dell'AITEC. Dopo una vasta esperienza nella progettazione strutturale, ha mantenuto un lungo impegno in Enel, nell'Area Politiche Ambientali, affrontando in special modo aspetti connessi all'evoluzione dei negoziati internazionali sui cambiamenti climatici, all'applicazione, nei grandi impianti di generazione elettrica, di tecnologie innovative per la riduzione delle emissioni inquinanti, alla cattura e stoccaggio del carbonio e alla qualità dell'aria Fa parte del gruppo di lavoro “Environmental Protection” di Eurelectric ed è componente della task force “Energy Transition and Climate Change”, all'interno dell'OME (Observatoire Méditerranéen de l'Energie).