Storia di un'alleanza

Genesi e significato del Patto Atlantico



Autore:
Collana: Storia, Filosofia, Religione
Formato: 13,5 x 21 cm
Legatura: Filorefe
ISBN13: 9788849211306
ISBN10: 8849211309
Ub.int: T442f T458B T519b V36c V24h

Anno di edizione:
Pagine: 304

Contenuto: Collana «Nuovo Millennio» n.18

Negli anni più drammatici della guerra fredda, Vittorio de Caprariis univa agli studi storici la partecipazione al dibattito politico italiano nel gruppo di intellettuali liberali che fonda le riviste "Il Mondo" e "Nord e Sud", e l'attività di commentatore di politica internazionale sulle pagine di entrambi i periodici. Il frutto delle sue riflessioni sarà un intenso programma di consolidamento storico-culturale dell'alleanza tra i paesi liberaldemocratici occidentali contro il totalitarismo, esemplarmente sintetizzato, nel 1958, dal volume Storia di un'alleanza. Per de Caprariis il Patto atlantico non si fondava su occasionali convergenze tattico-strategiche nell'equilibrio di potenza ma su radici comuni di civiltà, sulla maturazione in epoca moderna di una cultura delle libertà che univa i paesi dell'Europa occidentale tra loro e con gli Stati Uniti d'America.

Vittorio de Caprariis (Atripalda (AV), 1924-Roma 1964), è stato uno dei maggiori storici italiani del Novecento. Allievo e giovanissimo vice-direttore dell'Istituto Italiano per gli Studi Storici fondato da Benedetto Croce, insegnò storia delle dottrine politiche nelle università di Napoli e Messina. Tra le sue opere principali, oltre a Storia di un'alleanza, Francesco Guicciardini. Dalla poltiica alla storia (1950), Propaganda e pensiero politico in Francia durante le guerre di religione (1959), Profilo di Tocqueville (1963), Le garanzie della libertà (1966). Fu tra i principali collaboratori della rivista "Il Mondo", oltre che tra i fondatori di "Nord e Sud" (1954) e del primo Partito radicale (1955).

Giuseppe Buttà, ordinario di Storia delle dottrine politiche nell'Università degli studi di Messina, è autore di numerose pubblicazioni, tra le quali si segnalano John Adams e gli inizi del costituzionalismo americano; Sovranità, diritto di voto e rappresentanza in Massachussetts e South Carolina; Scienza e politica in Arthur Bentley; Politica e religione nell'età della formazione degli Stati Uniti d'America. Inoltre ha curato i quattro volumi degli Scritti di Vittorio de Caprariis.

Eugenio Capozzi, è docente di storia contemporanea nell'Università degli studi "Suor Orsola Benincasa" di Napoli. Tra le sue principali pubblicazioni, le monografie Costituzione, elezione, aristocrazia. La repubblica 'naturale' di James Harrington (Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane, 1996) e L'alternativa atlantica. I modelli costituzionali anglosassoni nella cultura politica italiana del secondo dopoguerra (Soveria Mannelli, Rubbettino, 2003), e la cura del volume Le costituzioni anglosassoni e l'Europa. Riflessi e dibattito tra '800 e '900 (Soveria Mannelli, Rubbettino, 2002).