Semestre Europeo n. 1 - Anno 3, Luglio 2012

Rivista europea di best practices



Autore:
Collana: Semestre Europeo
Formato: 21 x 29,7 cm
Legatura: Filorefe
ISBN13: 9788849224290
ISBN10: 884922429X
Ub.int: T455C

Anno di edizione:
Pagine: 80

Contenuto: Dal primo luglio siamo entrati nel Semestre di Presidenza cipriota dell'Unione Europea, un appuntamento importante che “Semestre Europeo”, come sua consuetudine, ha voluto presentare ai propri lettori con dovizia di particolari, interpellando direttamente i giusti interlocutori, tra cui in primis il Ministro degli Affari Esteri Erato Kozakuo-Maurcoullis. In questo numero “Semestre Europeo” fa il punto sui negoziati riguardanti Basilea Tre, gli Eurobonds, il Fiscal Compact e l'Agenda del consumatore, ovvero quattro potenziali pilastri della governance politica ed economica dell'Unione, alla luce delle istanze dei cittadini europei sempre più preoccupati per il loro futuro. A completamento del lavoro di expertise abbiamo, altresí, pensato di dare voce ad importanti personalità relativamente al come recuperare un trend di crescita; attraverso la tribuna di Semestre si sono alternati con suggestioni interessanti il Presidente della Commissione Europea José Manuel Barroso, il Vice-Presidente e Commissario europeo responsabile per l'Industria e l' Imprenditoria Antonio Tajani e il guru statunitense Jeremy Rifkin, tutti accomunati dalla convinzione che la ripresa passi inderogabilmente da una sfida da vincere a livello europeo. Dall'Italia sembra fare loro eco il neo Presidente di Confindustria Giorgio Squinzi che ha scelto “Semestre Europeo” per esporre la propria visione. Potrete leggerne nel contributo “L'Europa può sostenere il confronto solo se compete come sistema, pena la marginalità rispetto ai grandi del pianeta”. In definitiva sembra che tutti gli interventi convergano sull'idea che per evitare la marginalità, oltre a nuove regole e strumenti, siano necessarie soprattutto idee da mettere in circolo e a cui dare forma concreta, best practices da scambiare, facendo dell'Unione un effettivo terreno di condivisione di concrete possibilità di miglioramento.
In tal senso, siamo stati felici di ricevere, di tradurre e di pubblicare il contributo di Frank Jensen, Sindaco di Copenaghen e di Pia Dyhr Olsen, Ministro danese per il commercio e gli investimenti, relativamente al green project “Copenaghen prima città ad emissione neutra” e allo stesso modo abbiamo accolto con altrettanto entusiasmo e curiosità l'intervento di Kris Peeters, Ministro Presidente delle Fiandre, in cui ci spiega come il Belgio sia diventato una delle avanguardie mondiali del design. Allo stesso modo abbiamo pensato di raccontarVi come Francia, Germania e Regno Unito siano riusciti ad esportare i loro Sistemi Paese verso Emirati Arabi e Qatar, ad oggi vere e proprie vetrine del meglio delle best practices a livello planetario. In questo ultimo anno, l'Italia ha sostenuto un importante tentativo di ricollocamento a livello mondiale, tentativo la cui percezione all'esterno dei nostri confini non risulta ancora del tutto chiara. Un primo piccolo criterio interpretativo, ovviamente non esaustivo, potrebbe riguardare la scelta dei nuovi rappresentanti diplomatici arrivati in Italia in questi ultimi sei mesi. Semestre come ormai sua consuetudine attraverso la sua rubrica “Sua Eccellenza” Vi aiuta a conoscere meglio queste persone. [Cristiano Zagari, Direttore editoriale]

In questo numero: Baldacci, Barroso, Battistotti, Castagnetta, Cecco, Cicala, Cirrincione, Comelli, Darnis, De Anna, Deliolanes, Didò, Dionisi, Evriviades, Fioriglio, Gagliardi, Girardi, Grossi, Jensen, Kozakuo-Maurcoullis, Milia, Moles, Lo Turco, Olsen, Peeters, Rifkin, Saccà, Serino, Squinzi, Tajani, Tarantino, Torino.

Intervista esclusiva a Antonio Tajani

Dossier speciale Presidenza cipriota UE