Roma non ti dimentico mai

Poesie romanesche e...



Autore:
Collana: Letteratura e linguistica
Formato: 17 x 24 cm
Legatura: Cartonato
ISBN13: 9788849240566
ISBN10: 9788849240566
Ub.int:

Anno di edizione:
Pagine: 176

Contenuto: Gli amichi me stanno sempe a chiede, dicono che sei napoletano, pecche' scrivi in romano? io je risponno, forse me diverto, so' vissuto quasi sempe a Roma, sta' citta' bella, m'ha preso er core e l'amo tanto, è ‘na citta' d'incanto, la vojo rispetta', la poesia è un modo de parla' de farsi capi' e io vojo di', che Roma pe' me è tutto, quanno er sole scenne e se va' a riposa', Roma te scava dentro, nun te fa' parla', te sa' incanta', è come ‘na stella, ner ¬ firmamento der monno. Napoli ce l'ho ner core, è bella assai, è come er primo amore, che nun se scorda mai, ce vado ogni tanto, me ricordo le su' strade, i su' vicoli, la su' gente, quanti ricordi, quanti amori passati, la mi' gioventu', ma, mo' so' vecchio, e nun me pozzo sposta', pero', te vojo di', ho un core grosso accussi', le amo tutte e due queste citta', me fanno diverti', questo lo vojo di'.

MARCELLO DE IORIO, romano di adozione, classe 1932, ha avuto una vita molto interessante dal punto di vista del lavoro, ha infatti svolto la sua attività prima presso la Banca d'Italia, sede centrale di Roma, poi in magistratura, con funzioni sia giudicanti che requirenti, in varie residenze, in¬fine, come libero professionista in veste di notaio. Naturalmente, la diversa attività professionale svolta gli ha acuito la capacità di cogliere gli aspetti del carattere degli uomini, di saper avvicinare con maggior facilità la gente per avere un migliore contatto umano. Il suo carattere è alquanto graffiante, affronta i problemi della vita sempre con un pizzico di aggressione. È inutile dire che questo suo carattere lo avvicina molto di più alla poesia Romana, di per se stessa dolce, ma ironica. Per la Gangemi Editore ha già pubblicato “A Roma bella”, “Roma sei na' favola”, “Roma sei sempre mia” e “Roma sei come ‘na rosa”.