Promemoria

Immagini da un territorio fragile



Autore:
Collana: Architettura, Urbanistica, Ambiente
Formato: 22 x 24 cm
Legatura: Filorefe
ISBN13: 9788849207170
ISBN10: 8849207174
Ub.int: T302C V05d V15d V90a

Anno di edizione:
Pagine: 112

Contenuto: Potrei dirti di quanti gradini sono le vie fatte a scale, di che sesto gli archi
dei porticati, di quali lamine di zinco sono ricoperti i tetti; ma so già
che sarebbe come non dirti nulla. Non di questo è fatta la città,
ma di relazioni tra le misure del suo spazio e gli avvenimenti del suo passato:la distanza dal suolo di un lampione e i piedi penzolanti di un usurpatore impiccato; il filo teso dal lampione alla ringhiera di fronte e i festoniche impavesano il percorso del corteo nuziale della regina; l'altezza di quella ringhiera e il salto dell'adultero che la scavalca all'alba; l'inclinazione di una grondaia e l'incedervi di un gatto che si infila nella stessa finestra […].
Di quest'onda che rifluisce dai ricordi la città si imbeve come una spugna
e si dilata […]. Ma la città non dice il suo passato, lo contiene come le linee di una mano, scritto negli spigoli delle vie, nelle griglie delle finestre,
negli scorrimano delle scale, nelle antenne dei parafulmini, nelle aste
delle bandiere, ogni segmento rigato a sua volta di graffi, seghettature, intagli, svirgole. (ITALO CALVINO, Le città invisibili).

Questioni metodologiche, risultati di una ricerca sul rischio sismico e catalogo di una mostra performativa per raccontare con immagini e parole la fragilità del patrimonio culturale nelle ultime valli del Ponente ligure.
SIMONETTA ISGRÒ, CLAUDIA PALAZZETTI, VALENTINA PALMA e VALENTINA VALERIO
sono storiche dell'arte specializzate sui temi del patrimonio culturalea rischio sismico.

In seguito al terremoto del 1997 hanno collaborato con l'Ufficio
del Vice Commissario Straordinario per i Beni Culturali delle Marche
e con il Centro Beni Culturali della Regione Marche al recupero
del patrimonio storico artistico danneggiato. Per conto dell'Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione, si sono occupate
di tematiche connesse alla conservazione programmata, sia in chiave
di protocolli operativi per l'emergenza e di analisi e documentazione preventiva, che di strumenti per la documentazione e gestione ordinaria.
Dal 1998 costituiscono una Unità di Ricerca del Gruppo Nazionale
per la Difesa dai Terremoti (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia), partecipando a progetti interdisciplinari e coadiuvando gli enti di tutela nell'emergenza post sismica