Progettare tra emergenze e futuro

per le necessità dei territori



Autore:
Collana: Architettura, Urbanistica, Ambiente
Formato: 17 x 24 cm
Legatura: Filorefe
ISBN13: 9788849238808
ISBN10: 9788849238808
Ub.int: T429f V52c

Anno di edizione:
Pagine: 256

Contenuto: Questo libro, strutturato in continuità con Progettare Città intelligenti (Gangemi editore), intende fornire alcune ipotesi di lavoro intorno al tema della sicurezza dei territori e delle città con particolare attenzione alla ricostruzione dei luoghi colpiti dal sisma e al rilancio delle cosiddette aree interne. Un tema infinito che riporta al centro della riflessione non solo la ricchezza paesaggistica e la storia dei luoghi, ma anche la necessità di immaginare strategie intelligenti per dare risposte adattabili a eventi che modificano in modo rapido e drammatico la vita delle nostre comunità. C'è un gran bisogno di costruire una visione condivisa all'interno di un quadro complessivo con azioni progettuali mirate, puntuali e praticabili. Uno scenario nel quale il progetto di architettura potrà giocare un ruolo centrale e persuasivo, capace di allargare il consenso ed innescare un processo di rigenerazione territoriale decisivo anche sul piano della ripresa economica.

Scritti e contributi a cura di: Massimiliano Baquè, Luca Bonifacio, Alessandro Bruni, Ilaria Cellini, Angela Fiorelli, Valentina Fiorito, Mario Margasini, Valerio Palini, Paolo Verducci, Diego Zurli

Paolo Verducci, architetto, phD e Professore Associato in Progettazione architettonica presso l'Università degli Studi di Perugia, è responsabile scientifico del Laboratorio internazionale sulle città intelligenti (polo universitario di Foligno). È stato direttore del Master di II livello Progettare Smart Cities e coordinatore di ricerche a livello nazionale ed internazionale sul tema della rigenerazione architettonica, urbana e territoriale.

Angela Fiorelli, architetto e dottore di ricerca, attualmente lavora presso il Dipartimento di Architettura e Progetto (DiAP), Sapienza Università di Roma. Ha svolto attività di ricerca presso il Dipartimento di Architettura di Firenze (DiDA) e l'Escuela Técnica Superior de Arquitectura de Málaga (EAM). Collabora con il Dipartimento di Ingegneria dell'Università degli Studi di Perugia con particolare attenzione ai temi del progetto architettonico e del recupero del patrimonio storico nelle aree colpite dal sisma.