Myron Goldsmith

Pensiero, progetti ed opere 1939-1996



Autore:
Collana: Architettura, Urbanistica, Ambiente
Formato: 24 x 30 cm
Legatura: Filorefe
ISBN13: 9788849237238
ISBN10: 9788849237238
Ub.int: T526B V56a

Anno di edizione:
Pagine: 160

Contenuto: Myron Goldsmith (Chicago 1918-1983) è stato un autorevole architetto e strutturista americano. Finora poco conosciuto in Italia, è stato allievo, assistente e stretto collaboratore – sia all'Illinois Institute of Technology, sia nello studio professionale – di Ludwig Mies van der Rohe. È stato inoltre anche tra i partner di SOM (Skidmore, Owings & Merrill). Borsista Fulbright, nel 1953 approda a Roma, dove vi resta fino al 1955 per studiare alla Facoltà di Architettura con Pier Luigi Nervi. Viene calorosamente accolto da Bruno Zevi che lo introduce al mondo culturale ed artistico della Capitale, pubblicandogli periodicamente opere e progetti su “L'Architettura, Cronaca e Storia”. Come “San Paolo sulla via di Damasco”, Myron Goldsmith, grande fautore, conoscitore e progettista di strutture in acciaio, miesiano doc, a Roma “si converte” al cemento armato e ad un nuovo concetto di “forma” nel solco di quel patrimonio culturale, vero e proprio, unico DNA, del quale l'ingegneria strutturale italiana è erede. Da quell'esperienza romana ed italiana ne esce profondamente segnato e le sue produzioni successive saranno diverse per sistema costruttivo, per forma, per linguaggio. Myron Goldsmith, erede atipico e contemporaneo della lezione miesiana e nerviana insieme, ma fondendole in una nuova poetica, ha realizzato opere straordinarie dove – citando Ernesto Nathan Rogers – non «c'è confine tra Architettura ed Ingegneria e dove la Struttura è l'essenza stessa dell'Architettura e viceversa». Il saggio, dopo anni di studi, ricerche, interviste e testimonianze dirette da parte dell'autrice (a Chicago, a Montreal presso gli archivi del Canadian Centre of Architecture, a Roma, ecc.) ne fa conoscere il pensiero, le lezioni, i progetti, le opere realizzate tra cui molte di infrastrutture quali hangar per aerei, stazioni ferroviarie, ponti, complessi sportivi, grattacieli.

Claudia Sicignano, Castellammare di Stabia (Napoli) 1986, si laurea nel 2012 in Ingegneria Edile-Architettura all'Università degli Studi di Salerno. Nel 2017 consegue il Dottorato di Ricerca in “Tecnologia dell'Architettura e Rilievo e Rappresentazione dell'Architettura e dell'Ambiente” presso il Dipartimento di Architettura, DiARCH dell'Università degli Studi Federico II di Napoli. Nel 2018 consegue il Master di II livello in “Progettazione e Riqualificazione Architettonica, Urbana ed Ambientale con l'Utilizzo di Tecnologie Innovative” presso il Dipartimento di Architettura, DiARCH dell'Università degli Studi Federico II di Napoli. Le sue ricerche riguardano gli aspetti costruttivi e tecnologici dell'organismo edilizio e dell'ambiente costruito con riferimento sia alla tradizione sia alla innovazione tecnologica ed alla sostenibilità. Scrive su diverse riviste nazionali ed internazionali e partecipa attivamente al dibattito in atto anche con contributi a convegni nazionali ed internazionali.