Mezzogiorno all'opposizione



Autore:
Collana: Sociologia, Politica
Formato: 17 x 24 cm
Legatura: Filorefe
ISBN13: 9788874481033
ISBN10: 8874481039
Ub.int: T308G V35e R

Anno di edizione:
Pagine: 176

Contenuto: La Casa del Libro, con «Mezzogiorno all'Opposizione» di E. Sereni, ha voluto ripubblicare uno dei testi fondamentali della riflessione teorica Meridionalista del secondo dopoguerra. Si tratta di un saggio che ha influenzato intere generazioni di combattenti impegnate nello scontro per la nascita del Mezzogiorno. La storia della lotta meridionale e meridionalista tra il dopoguerra e gli anni sessanta e di nuovi termini in cui si pone oggi la questione meridionale, non possono essere ben compresi prescindendo da questa lettura.

Nato a Roma il 13 agosto 1907, Emilio Sereni imparò giovanissimo diverse lingue, tra cui il russo, la qual cosa gli permise di accostarsi con fedeltà alle opere di Lenin. Fu arrestato nel 1930 e condannato dal tribunale speciale fascista a 15 anni di reclusione. Amnistiato dopo 5 anni, entrò nel 1936 nel Comitato Centrale del PCI. Arrestato nuovamente nel giugno del '43, venne condannato a 28 anni di reclusione e per ben sette volte fu nell'elenco delle persone da fucilare.
Finita la guerra, entrò nei governi di unità antifascista come ministro dell'assistenza post-bellica e poi dei lavori pubblici.
Malgrado l'intensa attività politica non trascurò mai la vocazione di studioso e di ricercatore. Tra le sue opere di maggiore impegno ricordiamo: Il capitalismo nelle campagne, La questione agraria nella rinascita nazionale, Comunità rurali del-/Italia antica, Capitalismo e mercato nazionale. Direttore di "Critica marxista", parlamentare fino al 1972, è morto a Roma il 20 marzo 1977.