Le edizioni del XVII secolo della Biblioteca del Consiglio di Stato



Autore:
Collana: Arte
Formato: 17 x 24 cm
Legatura: Filorefe
ISBN13: 9788849224733
ISBN10: 8849224737
Ub.int: T305E V13a V25f

Anno di edizione:
Pagine: 144

Contenuto: La conoscenza dell'ingente patrimonio di edizioni antiche posseduto dalle biblioteche di alcuni Ministeri e di alcuni organi dell'amministrazione centrale dello Stato, è un obiettivo importante nell'ambito della politica generale di valorizzazione dei beni librari e documentari. Una prima ricognizione dedicata al fondo antico della biblioteca del Consiglio di Stato, ricco di importanti opere giuridiche e di antichi statuti di comuni, viene qui offerta, limitatamente alle edizioni del XVII secolo, che non risultano reperibili attraverso i canali catalografici del Servizio bibliotecario nazionale. Il nucleo più antico della raccolta si è costituito nel momento della istituzione del Consiglio di Stato nel 1831, con l'apporto di edizioni provenienti dalla Regia Camera de' Conti, e dopo l'unità d'Italia fu incrementato da nuclei librari provenienti da alcuni Consigli di Stato dei governi preunitari, che erano stati soppressi.

Maria Teresa Biagetti è professore associato presso l'Università Sapienza di Roma e insegna Biblioteconomia e Scienza della biblioteca e dell'informazione. Tra i suoi interessi di ricerca degli ultimi anni, la ricostruzione della fisionomia scientifico-bibliografica di rilevanti raccolte librarie dei secoli passati. Recentemente in questo settore ha pubblicato il volume La biblioteca di Federico Cesi (Roma, Bulzoni, 2008), ricostruzione bibliografica, sulla base di inventari manoscritti, della biblioteca personale di Cesi e dell'Accademia dei Lincei del primo periodo.