La Linea siciliana del federalismo



Autore:
Collana: Sociologia, Politica
Formato: 13,5 x 21 cm
Legatura: Cartonato
ISBN13: 9788849205152
ISBN10: 8849205155
Ub.int: T459C V92g V36c V35f

Anno di edizione:
Pagine: 304

Contenuto: Collana «Nuovo Millennio» n.12

In questo volume è raccolta una selezione di scritti di federalisti, indipendentisti ed autonomisti siciliani. Il lungo periodo di tempo che viene preso in considerazione è di circa 120 anni e l'immagine che ne emerge è quella di un federalismo siciliano che una grande stagione che si manifesta in una progressiva presa di coscienza (da Ventura a Colajanni e a Sturzo) è una successiva stagione di graduale decadenza (da Canepa a Milazzo). Sullo sfondo, i mali della Sicilia di sempre. Mali la cui consapevolezza diminuisce a mano a mano che la cultura siciliana si allontana dalla sua ispirazione originaria (centrata sul concetto di libertà come non dominio) per aderire all'ideale moderno di libertà e autonomia.

Giuseppe Gangemi, professore di prima fascia di Scienza Politica, all'Università di Padova, facoltà di Scienze Politiche, ha pubblicato varie opere sul tema del federalismo: La Questione Federalista. Zanardelli, Cattaneo e i cattolici bresciani (1984), Meridione, Nordest, Federalismo (1997); Federalisti Contro. Da Althusius a Silvio Trentin (1997); Grande padania. Piccola Cultura (1999). Per questa collana, ha curato: Carlo Cattaneo, Arcangelo Ghisleri e Giuseppe Zanardelli, La Linea Lombarda del federalismo (1999); Fedele Lampertico, Luigi Luzzatti, Angelo Messedaglia ed Emilio Morpurgo, La Linea Veneta del federalismo (2000), La linea sarda del federalismo (2002).