Interventi ed erratiche esplorazioni sull'arte

La dialettica del mestiere di un critico - uno

Autore:
Collana: Arte, Disegno, Rilievo, Design
Formato: 17 x 24 cm
Legatura: Cartonato
ISBN13: 9788849236224
ISBN10: 9788849236224
Ub.int:

Anno di edizione:
Pagine: 240

Contenuto: In questo primo dei tre volumi di raccolta di scritti dell'autore sono stati scelti testi relativi alle sue esplorazioni sui linguaggi artistici, sia di avanguardia e post-avanguardia (Futurismo, Surrealismo, Iperrealismo, Narciso Arte) che tematici (sezione aurea, arte sacra, arte e fascismo, arte scatologica, arte monocroma), utilizzando anche la psicoanalisi per la coazione a ripetere in Mondrian, Giacometti, Capogrossi e Warhol, nonché intervenendo sulla funzione della critica e contestando l'obsoleto concetto del bello dell'arte. Il tutto condito con presentazioni di artisti, recensioni di mostre e di libri, interviste fatte all'autore e dallo stesso a de Chirico e a Carlo Sergio Signori, nonché con addii a Ernst, Alfio Castelli e Ji?rí Kolá?r, più editoriali, polemiche, provocazioni e stroncature, che evidenziano maggiormente la sua particolare dialettica di critico e studioso.

GIORGIO DI GENOVA (Roma 1933) dal 1961 svolge un'intensa attività di critico d'arte, conferenziere e curatore di rassegne e mostre a tema nazionali ed internazionali. Oltre che di numerose monografie, è autore dei 10 tomi della Storia dell'arte italiana del ‘900 per generazioni (Edizioni Bora, Bologna, 1990-2010), da cui è nato a Pieve di Cento un museo, da lui diretto dal 1999 al 2005. Fino al 2006 è stato il coordinatore della rivista “Terzo Occhio”, da lui fondata nel 1975 a Bologna. Ha creato nel 1981 il gruppo Narciso Arte e nel 1996 il Gruppo Aniconismo Dialettico. Ha insegnato storia dell'arte contemporanea nelle Accademie di BB. AA. di Catania, Napoli e Roma. Dal 1981 è membro dell'Associazione Internazionale Critici d'Arte (AICA). Già commissario del Padiglione Italia alla Biennale del 1984, nel 2011 è stato membro di due commissioni del Padiglione Italia della 54a Biennale di Venezia.