Il design delle strategie

Un modello interpretativo della relazione tra design e impresa



Autore:
Collana: Disegno, Rilievo, Design
Formato: 17 x 24 cm
Legatura: Filorefe
ISBN13: 9788849208733
ISBN10: 8849208731
Ub.int: T309B V11g

Anno di edizione:
Pagine: 208

Contenuto: Il design delle strategie rientra negli studi finalizzati alla comprensione delle modalità di interazione tra il Disegno Industriale e il sistema tecnico-produttivo delle Piccole e Medie Imprese.
Attingendo alle discipline del Management e del Marketing, viene indagato il contesto nel quale l'impresa opera, avvisandone due peculiarità interdipendenti – la produzione parlante e il ruolo della conoscenza – dalle quali emerge che la sostenibilità sociale delle organizzazioni produttive, condizionate delle ICT, si misura sulla capacità di gestire i processi di sviluppo della conoscenza e la sua traduzione in valore.
Riconoscendo il Design come un fenomeno sociale totale interessato e informato da implicazioni semantiche, ne propone una descrizione aggiornata attraverso un percorso di penetrazione cognitiva che ripercorre i concetti relativi alla cultura del Design, alla cultura dell'Impresa, al Design Management e da questo al Design Strategico.
Post-fordismo; comunicazione; polioperatività; competitività; new economy; innovazione; Design strategico; azione situata; interazione; competitività; prodotto servizio; alternative; culture to business; integrazione culturale; diversa formazione.
Secondo precise fasi cognitive viene costruito un modello analitico di lettura che, come mappa cognitiva, tenta di chiarire il complesso fenomeno della relazione Design e Impresa.
Il volume si completa con diversi casi studio, interpretati attraverso la mappa cognitiva proposta, emblematici dei ruoli diversificati che il Design assume come azione situata, definibile solo in relazione allo specifico contesto produttivo: Abet Laminati; Alessi; Benetton; Camper; Elica; IKEA; Illycaffè; Natuzzi; Philips.


Studi & Ricerche
Sezione Arti, Design e Nuove Tecnologie
Dipartimento Itaca
dell'Università degli Studi
di Roma “La Sapienza”
Dottorato di
Disegno Industriale
Collana ideata da Tonino Paris

Nei rapporti fra culture materiali locali, l'economia e la cultura dominante del cosidetto “Villaggio Globale” sono in atto continui processi di trasferimento e ibridazione.
Forme di contaminazione che riguardano costumi, prodotti, metodi di lavoro, tecnologie.
la collana “Studi & Ricerche” pubblica indagini su questi complessi processi, per scoprire di volta in volta come vengono gestiti oggi gli interventi sulle città, sui territori; con quali capacità vengono gestite le tecnologie impiegate nei processi di trasformazione dell'ambiente costruito; con quale capacità di previsione vengono controllati i flussi di prodotti materiali e immateriali che attraversano in modo sempre più veloce lo spazio in cui l'uomo vive nel sud e nel nord del mondo.
Tutto ciò sia attraverso la rilettura di esperienze della tradizione e della storia, sia attraverso lo studio di proposte e sperimentazioni proiettate verso nuovi scenari.


Loredana Di Lucchio.
Architetto, laureata presso l'Università “La Sapienza” Roma, è PhD in Tecnologia dell'Architettura e Disegno Industriale, titolo conseguito presso il Dipartimento ITACA dello stesso Ateneo sulle tematiche del Design Strategico ed in particolare sulla relazione tra Designer e Piccole e Medie Imprese nel sistema produttivo italiano. Svolge in maniera continuativa attività di ricerca sul tema del rapporto culturale Progetto / Produzione / Consumo. Svolge attività didattica come docente a contratto nella Prima Facoltà di Architettura “L. Quaroni” dell'Università “La Sapienza” di Roma sia presso il Corso di Laurea in Disegno Industriale Triennale che nel Corso di Laurea Specialistica in Disegno Industriale e Comunicazione Visiva.
Svolge nell'Agenzia SDI Roma La Sapienza, della rete di ricerca nazionale SDI - Sistema Design Italia, attività di responsabile operativo.
Dal 2001 è redattrice della rivista bimestrale di formazione e ricerca Disegno Industriale - diid, e dal 2005 responsabile della rubrica “Aziende”.
Dal 2004 è componente del Comitato di redazione del Web Magazine SDI Design Review.