I profumi di Afrodite e il segreto dell'olio - The perfumes of Aphrodite and the secret of the oil

Scoperte archeologiche a Cipro - Archaeological discoveries in Cyprus



Autore:
Collana: Arte
Formato: 23 x 27 cm
Legatura: Filorefe
ISBN13: 9788849212235
ISBN10: 8849212232
Ub.int: T308G V14d

English abstracts - I edizione


Anno di edizione:
Pagine: 256

Contenuto: Il volume è sostituito dalla nuova edizione Mavrorachi. Il profumo di Afrodite ed il mistero della dea senza volto (ISBN 9788849214246)

Catalogo dei reperti in mostra provenienti dalla fabbrica dei profumi di Pyrgos e dal distretto di Limassol, conservati al Museo Archeologico di Limassol
La mostra archeologica dal titolo "I profumi di Afrodite e il segreto dell'olio", promossa dall'Assessorato alle Politiche Culturali del Comune di Roma e dal Consiglio Nazionale delle Ricerche, si realizza grazie alla generosa collaborazione del Ministero della Cultura della Repubblica di Cipro e dell'Ambasciata della Repubblica di Cipro a Roma. La mostra illustra gli scavi e le scoperte nel sito di Pyrgos-Mavroraki, dove è venuto alla luce un vasto impianto industriale risalente al II millennio avanti Cristo incentrato sulla produzione dell'olio di oliva, preziosa "materia prima" che a Cipro, ponte di passaggio tra Oriente e Occidente nel cuore del Mediterraneo orientale, gioca un ruolo di primaria importanza nello sviluppo dei commerci sul mare. Un'esposizione affascinante, che valorizza l'impegno scientifico dei ricercatori italiani della Missione Archeologica di Cipro e si inserisce a pieno nel progetto del Comune di Roma di promuovere la conoscenza delle diverse culture e la stretta collaborazione con i paesi del mondo, a cominciare da quelli che, come Cipro, per tradizione, storia e influenze culturali, ci sono particolarmente vicini. È una Mostra densa di novità e suggestioni che favorirà una più ampia e diffusa conoscenza di un patrimonio di inestimabile valore e di grande importanza per la storia della civiltà del Mediterraneo. Un contributo alla formazione nel grande pubblico, e soprattutto nelle nuove generazioni, della consapevolezza dell'importanza dell'impegno e dello studio per la conoscenza e la salvaguardia di questo nostro comune patrimonio europeo.