I fortunati decenni

1950-2000



Autore:
Collana: Letteratura e linguistica
Formato: 18 x 25 cm
Legatura: Filorefe
ISBN13: 9788849236187
ISBN10: 9788849236187
Ub.int: T512B V21f V52f

Anno di edizione:
Pagine: 256

Contenuto: In questo libro Pietro Barucci continua il discorso iniziato con il precedente libello Quel Fatale Decennio 1940-1950, dedicato agli anni della sua formazione e delle prime esperienze di vita adulta, ivi inclusa la sua partecipazione agli ultimi anni di guerra. In questo nuovo libro il suo discorso cambia tono, i tempi sono cambiati, si passa dalla gravità della guerra e dei fondamentali accadimenti che lo riguardano (la laurea, il matrimonio, le figlie) al clima della ricostruzione, dello sviluppo, dei grandi movimenti politici, con un atteggiamento non meno impegnato, ma comunque più leggero, che fra l'altro invita a non trascurare i piaceri della vita. Pietro Barucci diviene un architetto importante e fa della sua professione, a partire dal lontano 1947, la ragione centrale della vita, ma in questo libro decide di narrare con pari accortezza, oltre alle vicende professionali, gli altri interessi, le altre esperienze che lo hanno arricchito, quali la passione per il mare e le barche a vela, le attività sportive, i viaggi, le relazioni sentimentali e molto altro ancora. Ne è scaturito uno scritto vario e sorprendente, scandito in cinque capitoli riferiti ai cinque decenni del secondo Novecento, che danno il titolo del libro: I Fortunati Decenni 1950-2000, opera che soddisfa le attese lasciate dal precedente libello, completando un quadro complessivo della lunga e singolare esistenza di Pietro Barucci.

Pietro Barucci (1922) architetto, è nato a Roma dove vive. Dal 1942 al 1944 è stato prima allievo e poi arruolato nella Marina Italiana, partecipando agli scontri navali del 9 settembre 1943. Laureato nel 1946 ha collaborato nell'insegnamento universitario con Giuseppe Nicolosi, con Arnaldo Foschini e con Adalberto Libera. Ha tenuto conferenze presso le Università di Harvard, Roma, Venezia, Napoli. Ha svolto un'intensa attività professionale nell'arco di cinque decenni a partire dal 1947 occupandosi prevalentemente di progetti di edilizia residenziale pubblica e di importanti realizzazioni tra cui il Centro Direzionale di Piazzale Caravaggio a Roma. È autore di piani urbanistici per città della Tunisia e dell'Etiopia. La sua ingente attività di progettista è oggetto della monografia di Ruggero Lenci, Pietro Barucci architetto, Electa, Milano 2009. Ha pubblicato Scritti di architettura 1987-2012, Clean, Napoli 2012. Il catalogo dei suoi progetti è nel sito www.pietrobarucci.it.