Guendalina Dorata

Il fascino della sottrazione

Autore:
Collana: Arte, Disegno, Rilievo, Design
Formato: 21 x 29,7 cm
Legatura: Filorefe
ISBN13:
ISBN10: Ge6100
Ub.int: V39C

Facing English text


Anno di edizione:
Pagine: 56

Fuori Commercio

Contenuto: Nel campo della Fisica è ormai patrimonio acquisito che lo spazio e il tempo non siano più due dimensioni separate ma che costituiscano una sola dimensione, chiamata appunto spazio-tempo. Le opere di Guendalina Dorata esprimono un'estetica che si connota da un lato come superamento delle forme del passato e dall'altro come stratificazione di esperienze pittoriche della tradizione. Un flusso creativo che procede, però, non per accumulo ma per sottrazione. Da qui il fascino discreto di opere che non si svelano mai del tutto, per lasciare in chi guarda la possibilità di riempire di senso ciò che è stato solo suggerito. Dice di più dicendo di meno. Diversamente da ciò che accade in un'epoca sovraffollata di segni come la nostra, che si configura spesso con continue addizioni, le sue tele si distinguono invece per una ricerca volta all'essenza, cromatica, di senso, di segno. Una sintesi formale che gravita con levità nello spazio-tempo dell'arte contemporanea.

In the field of physics, it is now conventional wisdom that space and time are not two separate dimensions, but rather a single dimension called space-time. The works of Guendalina Dorata express an aesthetic that, on one hand, transcends the forms of the past and, on the other, represents a stratification of traditional painting in a creative flow that proceeds not by accumulation but by subtraction. This is the source of the subtle charm of works that never fully reveal themselves, leaving it to the viewer to attribute meaning to that which is merely hinted at. She says more by saying less. Unlike what normally happens in an era overloaded with signs such as ours, often built up through constant accumulation, her paintings stand out for their pursuit of essence, colour, meaning and signals: a formal synthesis that gravitates almost weightlessly in the space-time of contemporary art.