Gran Sasso

Il traforo autostradale



Autore:
Collana: Architettura, Urbanistica, Ambiente
Formato: 24 x 30 cm
Legatura: Cartonato
ISBN13: 9788849208696
ISBN10: 8849208693
Ub.int: T526B T810E V03e V37e V35c

Anno di edizione:
Pagine: 272

Contenuto: PRESENTAZIONE

In occasione della ristampa del volume “Gran Sasso – Il Traforo Autostradale” mi sento in dovere di partecipare personalmente all'evento considerando l'importante esperienza che in questo ultimo periodo ho vissuto nella qualità di Commissario delegato per il superamento dell'emergenza socio ambientale del sistema del Gran Sasso che mi ha consentito di conoscere a fondo ed apprezzare una delle più importanti gallerie autostradali d'Europa.
L'ordinanza di Protezione Civile stabiliva due obiettivi prioritari: il primo di provvedere, in raccordo con i Consulenti tecnici nominati dall'Autorità giudiziaria, ad espletare tutte le attività di studio volte all'acquisizione dell'esatta consistenza degli eventi e delle cause che li avevano determinati, al fine di predisporre un piano di interventi. Il secondo riguardava poi l'adozione di tutte le iniziative urgenti per la messa in sicurezza dei Laboratori del Gran Sasso e l'eventuale bonifica delle aree.
Si è pertanto reso indispensabile inizialmente svolgere una difficile e vasta attività di studio volta ad acquisire l'esatta consistenza degli eventi e delle cause che li avevano determinati. In un secondo momento, nella fase cioè di individuazione degli interventi necessari alla messa in sicurezza del Sistema Gran Sasso, si trattava di entrare più specificatamente nelle caratteristiche strutturali ed esecutive delle gallerie al fine di prendere esatta cognizione delle opere realizzate e delle modalità di realizzazione nonché di conoscere fatti “storici” legati all'avanzamento dei lavori.
E' appena il caso di ricordare che il Sistema Gran Sasso rappresenta un eccezionale situazione dove coesistono contemporaneamente le gallerie, i Laboratori Nazionali di Fisica Nucleare e l'acquifero. Infatti, la complessità delle interdipendenze fra le gallerie autostradali di notevole lunghezza, le installazioni sotterranee dei Laboratori, la presenza di un acquifero di notevolissima importanza ed infine la loro collocazione d'insieme all'interno del territorio di un Parco Nazionale, con tutte le relative peculiarità, rappresentano elementi unici per i quali si è reso indispensabile conoscere anche la storia dei lavori che furono eseguiti oltre venti anni fa prima di poter definire gli interventi di messa in sicurezza da realizzare.
Si rendeva in effetti indispensabile rivisitare tutto l'attuale sistema di attività presenti all'interno delle gallerie per prospettare una rimodulazione tale da massimizzare la sicurezza, non penalizzando al tempo stesso nè la ricerca svolta all'interno dei laboratori, nè la funzionalità dei collegamenti che svolge il tronco stradale. Tale proiezione non può che essere accompagnata dalla sottolineatura che tutta la materia è stata gestita in continuo rapporto con gli esperti della Protezione Civile nonché con i consensi e la partecipazione di tutti i soggetti istituzionali, che a diverso titolo entrano nella sfera del sistema Gran Sasso.
È proprio in questa occasione che il volume“Gran Sasso – Il Traforo Autostradale” ha rappresentato un momento di memoria storica del grande evento di realizzazione delle gallerie con la sua ampia e dettagliata documentazione fotografica e tecnica ed ha contribuito in modo determinante alla definizione delle attività poste in essere ai fini di un adeguato e dettagliato inquadramento delle problematiche inerenti l'emergenza e dello sviluppo dei relativi interventi.

Pietro Lunardi