Egostrutture

Per una antropologia globale. Prefazione di Edgar Morin



Autore:
Collana: Sociologia, Politica
Formato: 17 x 24 cm
Legatura: Filorefe
ISBN13: 9788874484409
ISBN10: 8874484402
Ub.int: T410E V35h

Anno di edizione:
Pagine: 248

Contenuto: Parafrasando il titolo di un libro di rilievo pubblicato nell'85, «La sfida della complessità», si potrebbe considerare l'opera di Piccardo una vera e propria sfida «alla» complessità.
L'annoso e fondamentale obiettivo della sistemica, cosí come dello strutturalismo, quello di un punto di raccordo comunicativo fra le diverse branche scientifiche, sembra qui effettivamente risolto.
Un elementare paradigma archetipico unifica di fatto i più diversi fenomeni di un universo essenzialmente autocreativo, nei suoi due aspetti materiale e spirituale. Ne vengono cosí poste in diretta comunicazione non solo le diverse scienze la altresí le rappresentazioni religiose ed estetiche creando in tal modo le premesse di una globale interdisciplinarità delle conoscenze umane.
Inutile dire che a fronte di un archetipo autocreativo della più elementare semplicità, il gravoso ma anche pretestuale problema della complessità del creato si risolve in semplicità.
Naturalmente la sfida ha pure i suoi momenti difficili: momenti che talvolta Piccardo supera con aria disinvolta mentre in alcuni altri casi, affidandosi a una penetrazione intuitiva non di rado scopertamente provocatoria, apre tuttavia la possibilità di soluzioni felici quanto inattese specie per quanti sappiano, avverte l'Autore, leggere fra riga e riga.

Nato a Genova nel 1912, Piccardo si dedica fin da giovane ad approfondire ricerche di antropologia culturale. Ad una prima redazione di Egostrutture del 1967 fa seguito nel 1970 un film per grafismi animati dallo stesso titolo. Nel 1974, infine, la stesura definitiva del testo. Egostrutture costituisce la base di riferimento per una serie di opere dello stesso autore dedicate ai diversi momenti e modi del percorso umano, non esclusa l'odierna crisi di civiltà che Piccardo indica di natura globalmente religiosa. L'opera di Piccardo, letta da Morin in fase di dattiloscritto nel 1976, è stata dall'autore francese citata e variamente commentata nel suo fondamentale «La Méthode», secondo tomo, 'La Vita della Vita», edito nel 1980.
Oltre ad alcuni testi pubblicati con un gruppo di giovani amici negli anni '78-82 e legati all'esplodere della crisi, Piccardo tiene nel suo cassetto opere che sviluppano alcuni fra i temi essenziali di Egostrutture.