Dalle ceneri alla storia

Riannodando con passo biblico il filo della memoria: il racconto dell'olocausto nei ricordi di un protagonista



Autore:
Collana: Storia, Filosofia, Religione
Formato: 17 x 24 cm
Legatura: Filorefe
ISBN13: 9788849227307
ISBN10: 8849227302
Ub.int: T501A V33b

Anno di edizione:
Pagine: 432

Contenuto: Traduzione integrale in lingua italiana del best seller tradotto in tutto il mondo.

Se avessero raccontato a Lulek, quando aveva otto anni, che un giorno si sarebbe seduto alla tavola della Regina d'Inghilterra, che avrebbe conversato con il Papa farcendo il discorso con parole in yiddish, che avrebbe ascoltato insieme al Cancelliere tedesco, proprio lui, “Credo con fede alla venuta del Messia” eseguita dai hassid di Gur, avrebbe stentato a crederlo. Ma forse no. Perché Lulek, il bambino più piccolo sopravvissuto al campo di concentramento di Buchenwald, era abituato ai miracoli, a una catena di miracoli: la madre che lo aveva spinto nelle braccia del fratello un attimo prima di essere deportata, quel fratello che gli avrebbe fatto da madre e anche da padre e a cui deve la sopravvivenza, di lager in lager, di treno in treno, guardando in faccia la morte. Suo fratello Naftali – Tulek – è sopravvissuto insieme a lui. Insieme hanno rispettato le volontà del padre, sono immigrati in Israele dove Lulek – Srulek – Israel ha raccolto il testimone di una millenaria dinastia di rabbini, diventando Rabbino Capo d'Israele. Il Rav Israel Meir Lau è stato insignito nel 2005 del Premio Israele. Nell'introduzione l'Autore scrive: “Il mio racconto nasce dai ricordi personali che ho dell'Olocausto, della mia fuga, delle torture inflitte al corpo e all'anima e di come sia cresciuto senza i genitori e una casa. Questo libro racconta anche i miei incontri con persone molto speciali, ebrei e non ebrei, che hanno contribuito al miracolo della salvezza di un intero popolo e mio personale, alla costruzione di una nazione sul suolo della nostra patria e alla transizione dalla Shoah alla rinascita.
Prego affinché nessun figlio al mondo debba mai più intraprendere il percorso tormentato dei miei compagni e mio per ritornare, come in Geremia [31: 16]: I tuoi figli torneranno nei loro confini”.

Il testo originale è stato scritto nell'anniversario dei 60 anni dalla liberazione dal campo di concentramento di Buchenwald. Nella prima parte Lulek, bambino, si abbandona ai ricordi; nella seconda parte è il Rav Israel Meir Lau a render conto al lettore di come quei ricordi abbiano segnato il suo cammino di rabbino e capo religioso.

Uno dei più giovani sopravvissuti di Buchenwald, Israel Meir Lau, aveva otto anni al momento della liberazione. Discendente di una ininterrotta e millenaria catena di rabbini, è stato rabbino capo askenazita d'Israele, uno dei più rispettati e carismatici leader della fede ebraica, stimato in tutto il mondo. “Dalle ceneri alla storia” è lo straziante, avvincente e miracoloso racconto autobiografico del Rav Lau.

“Questo è un libro sul giudaismo, la sua gloria e le sue avversità, raffiguranti un periodo che può essere giudicato come il più doloroso, amaro e buio negli annali del popolo ebraico. Rappresenta la personalità dello scrittore unitamente alle caratteristiche del suo popolo. È un libro nel quale ogni parola è incisa nel sangue.”
SHIMON PERES

“Lasciamo che sia il lettore a scoprire l'intensità di questo viaggio travolgente che descrive come si possa convivere con lo spettro della morte mentre altri ne gioiscono. Come ci si può aggrappare, anche nelle tenebre più profonde, alla luce della fede, come, soprattutto, si può costruire sulle ceneri. Come un piccolo bimbo di Piotrków scampato a Buchenwald sia riuscito a crescere e fiorire nello splendore del cielo azzurro dello stato ebraico.”
ELIE WIESEL

Nominato rabbino nel 1961, ISRAEL MEIR LAU ha svolto l'incarico di rabbino capo askenazita di Israele dal 1993 al 2003. Attualmente è capo rabbino di Tel Aviv e Presidente di Yad Vashem, organizzazione ufficiale d'Israele per la memoria delle vittime ebree dell'Olocausto. Nel 2005 gli è stato conferito il Premio Israele – la massima onorificenza del Paese – per i risultati conseguiti nell'intero arco della sua esistenza e per lo straordinario contributo alla società e allo Stato d'Israele. Nel 2011, la Francia gli ha conferito la Legione d'Onore in riconoscimento dei suoi sforzi per aver promosso il dialogo interreligioso.

SHIMON PERES è il Presidente dello Stato d'Israele dal 2007. Per due volte ha ricoperto la carica di Primo Ministro e una volta quella di Primo Ministro ad interim. Nella sua carriera politica, che dura da oltre 66 anni, è stato membro del governo per dodici legislature. Nel 1994 è stato insignito del Premio Nobel per la Pace. È autore di numerosi libri e di centinaia tra articoli e saggi.

ELIE WIESEL è nato in Romania, a quindici anni fu deportato ad Auschwitz. Dopo la guerra è diventato giornalista e scrittore a Parigi e da allora ha scritto più di cinquanta libri tra cui il più venduto: “La Notte.” Ha ricevuto numerose onorificenze tra cui la Medaglia Presidenziale della Libertà, la Legione d'Onore francese. Nel 1986 è stato insignito del Nobel per la Pace. Dal 1976 è professore all'Andrew W. Mellon in Humanities e docente di filosofia e religione presso l'Università di Boston.