Da Versailles al Milite Ignoto

Rituali e retoriche della Vittoria in Europa (1919-1921)



Autore:
Collana: Storia, Filosofia, Religione
Formato: 17 x 24 cm
Legatura: Filorefe
ISBN13: 9788849214321
ISBN10: 8849214324
Ub.int: T808A V23c

Anno di edizione:
Pagine: 272

Contenuto: Collana MEMORIE dell'ISTITUTO PER STORIA DEL RISORGIMENTO ITALIANO n. 55

Il volume analizza e descrive i rituali e le retoriche con cui le nazioni vincitrici celebrarono la Vittoria alla fine della Grande Guerra, dalle grandi parate alla costruzione di monumenti che tenessero vivo il ricordo del conflitto. Nel giro di pochi mesi il culto dei caduti assunse grande importanza: tra il 1920 e il 1921 in tutti i paesi vittoriosi fu istituita una solennità nazionale in ricordo dei soldati morti in guerra e la cerimonia della sepoltura del Milite Ignoto portò quel culto al livello più alto. La stampa seguí da vicino questi fenomeni ed elaborò retoriche e stereotipi, sia per celebrare la gloria delle armate, sia per commemorare il sacrificio delle famiglie. Utilizzando le cronache dei giornali e delle riviste più importanti del periodo e le testimonianze di vari osservatori l'autore presenta un quadro analitico delle diverse scelte operate dai governi e delle reazioni delle popolazioni, soffermandosi, in particolare, sulle esperienze francese, inglese e italiana. Attraverso un tessuto di citazioni, cucite insieme con notevole efficacia, si offre al lettore la ricostruzione di un momento significativo della storia europea, nelle sue implicazioni politiche, sociali e di costume.


Alessandro Miniero è attualmente documentarista bibliotecario presso la Biblioteca della Camera dei Deputati, dove è responsabile del settore del diritto di stampa e della letteratura grigia. Ha lavorato presso la Biblioteca della Corte dei Conti e collaborato a pubblicazioni e ricerche della Fondazione Basso e degli storici Andrea Giardina, Giovanni Sabbatucci e Vittorio Vidotto.