Città globale e metropoli terzomondista Rio de Janeiro

La globalizzazione in una metropoli di popolazione povera



Autore:
Collana: Architettura, Urbanistica, Ambiente
Formato: 17 x 24 cm
Legatura: Filorefe
ISBN13: 9788849208177
ISBN10: 8849208170
Ub.int: T527A T711B V02d V34d

Anno di edizione:
Pagine: 272

Contenuto: La mondializzazione dell'economia ha portato, a Rio de Janeiro come altrove, “con le città globali”, ad un aumento della povertà, della disoccupazione e della disuguaglianza urbana. La mondializzazione, infatti, ristrutturando la base produttiva ha indebolito lo Stato nazionale favorendo da una parte nuove forme d'intervento internazionale e dall'altra le crescenti crisi di governabilità tra i poteri locali. In questi luoghi, indicati da vari autori come “città duali”, aumentano i posti di lavoro più qualificati, il reddito e la qualità di vita per un ristretto numero di abitanti, ma per i residenti nelle aree periferiche, aumentano l'insicurezza e la miseria.
Il libro esamina gli aspetti peculiari assunti dalla globalizzazione in una metropoli caratterizzata da un'enorme quantità di popolazione povera e poverissima: Rio de Janeiro. Si esaminano sia le azioni messe in atto dal potere politico per far entrare la città nel circuito delle città globali sia e le politiche che l'amministrazione ha avviato in atto per tentare di risolvere il problema dell'abitare, e più in generale dell'integrazione sociale, della popolazione povera e poverissima che abita nelle favelas di Rio de Janeiro.