Anomalie del crepuscolo



Autore:
Collana: Letteratura e linguistica
Formato: 13,5 x 21 cm
Legatura: Filorefe
ISBN13: 9788849226294
ISBN10: 8849226292
Ub.int: V21a

Anno di edizione:
Pagine: 160

Contenuto: «Anomalie del crepuscolo» segna uno stacco nella poetica dello sguardo altrove perseguita. Entra maggiormente in gioco la tensione esistenziale. L'attrito della vita, il dilemma, la resistenza dei giorni si frappongono alla scena aperta dalla finestra sul mondo sempre capace di aprirsi attraverso la riflessione paziente, profonda, fenomenologica. Ghirardi qui rifugge da qualsiasi prospettiva illusoriamente consolatoria. Altrove si avverte una maggiore insistenza sulla permanenza e il potere della visione. Qui affiora un certo maestoso ripiegamento, lo scintillio della sottilissima meditazione che non lascia scampo ad alcun alibi metafisico ed esistenziale: «Cosa è la vita? Uno scontro di coralità litigiose lusingate dal culto dell'armonia».
Culmina in questa prismatica definizione un testo dalle tessiture dense e apicali, dalla continua alternanza tra caos e simmetria. Pienamente eracliteo rispetto al parmenideo «Letargo». Per Ghirardi «Polemos è padre di tutte le cose padre, di tutte re, e gli uni rivela dei e gli alti uomini, gli uni fa schiavi e gli altri liberi». L'armonia, la simmetria esiste, è rinvenibile. Ma solo «l'armonia nascosta è migliore di quella apparente. L'opposizione porta accordo. Dalla discordia nasce l'armonia più bella. È nel mutamento che le cose trovano quiete». L'esito è un poema dello struggimento pensante, del plaisir larmoyant, della lingua natia che risorge durante la catastrofe, del filo d'Arianna seguito «senza sapere se la sonnolenza è dolore o preludio all'ispirazione». Ghirardi detesta gli avanzi di citazione: «i giudizi piacevano ai critici più che agli autori», le loro frasi «sono come vergini senza bellezza».
Sembra risuonare la riflessione di Montale sul primo Zanzotto: «Non descrive, circoscrive, avvolge, prende, poi lascia. Non è proprio che cerchi se stesso e nemmeno che tenti di fuggire alla sua realtà; è piuttosto che la sua mobilità è insieme fisica e metafisica, e che l'inserimento del poeta nel mondo resta altamente problematico e non è nemmeno desiderato». Si può leggere cosí anche Ghirardi solo a patto di ricordare che per quest'ultimo l'inserimento nel mondo rimane altamente problematico, ma è, diversamente dal poeta di Pieve di Soligo, melanconicamente riappreso, pensosamente ridimensionato, dialetticamente desiderato. Anche sospirato. Perfino sublimato nella contemplazione interrogativa, nella orazione appena enunciata, nella ricerca della misteriosa lingua di Dio. Consapevole che l'organo prega senza parole e il teologo può solo sfogliare il dizionario celeste.
Renato Minore

GIULIO GHIRARDI è nato e vive a Venezia. Dopo vent'anni di militanza nella critica d'arte (volumi, saggi interdisciplinari, articoli per quotidiani e riviste nazionali e internazionali) si è affacciato stabilmente all'altrove creativo e riflessivo, a partire dagli anni '90, attraversando, sfiorando quasi tutti i generi letterari, senza sostare definitivamente in alcuno, mantenendosi fedele a un linguaggio ironico e spregiudicato (P. Leoncini). Le sue opere poetiche, saggistiche, narrative, hanno ottenuto premi e consensi, anche internazionali e hanno richiamato l'attenzione di critici, letterati, giornalisti, studiosi, personaggi di ogni estrazione culturale e ambientale: S. Bettini, G. Marchiori, E. Steingraeber, A. Sala, G. Selvaggi, A. Arslan, M. Bertosa, A. Spinosa, C. Della Corte, G. Zucconi, C. Magris, P. Mildonian, E. Pittalis, G. M. Pilo, P. Ruffilli, S. Palatini, P. Leoncini, E. Rossignoli, G. Lugaresi, R. Lamantea, I. Crotti, V. Bezzi, B. S. Zanini, P. L. Sabatti, A. Fonda, S. Mariani, A. Paglia, ecc. Fondamentale il sostegno critico e interpretativo di R. Minore, affidato a prefazioni, saggi, articoli di alto livello. La produzione di Giulio Ghirardi (molto vasta, ricca di inediti e di titoli di prossima apparizione 2002/2013) è stata in larga parte pubblicata da Gangemi Editore, Roma (Per motivi di spazio, Anime di confine, Un poeta a metà, La memoria a piastrelle, L'occhio e la pagina, Elzeviri per Margherita, Finestre di Voce (Voice Windows), Amore e ironia, Un cumulo di bugie, Teatrino tascabile, Numeri chiusi). Alcune opere (Con le viscere dell'ironia, La porta girevole, ecc.) sono state tradotte in inglese e in altre lingue. Elzeviri per Margherita è stato presentato a RAI-Sat-Album, da R. Minore (2003). Giulio Ghirardi ha collaborato a quotidiani e riviste nazionali e internazionali, a rubriche radiofoniche e televisive. I principali titoli di Giulio Ghirardi sono presenti nella Library of the Congress di Washington.
La svolta, lunga e sofferta, di Ghirardi è testimoniata da inediti di vasta estensione: una ventina di titoli dedicati alla poesia, alla prosa, al racconto, al saggio narrato (1972-1992). Gli ultimi volumi (“La panchina dei poeti”, “Amore e ironia”) sono stati presentati all'Ateneo Veneto da E. Pittalis e da P. Leoncini (9.04.2008/20.11.2008).
Il presente volume esce contemporaneamente a “Letargo” e a “Un fiume di nuvole”. Dal 2009 G. Ghirardi è socio del PEN Club Italia.