Akseli Gallen-Kallela e l'Italia 1895-1950

Il viaggio di formazione, il revival dei Primitivi, la pittura ad affresco, le mostre e la fortuna critica italiana



Autore:
Collana: Arte
Formato: 17 x 24 cm
Legatura: Filorefe
ISBN13: 9788849239454
ISBN10: 9788849239454
Ub.int: T430g V54e

English abstracts


Anno di edizione:
Pagine: 176

Contenuto: Nome di spicco dell'età d'oro dell'arte finlandese, riscoperto negli ultimi anni grazie a importanti mostre, Akseli Gallen-Kallela (1865-1931) ha avuto un rapporto privilegiato con la cultura italiana, ripercorso in questo volume attraverso i momenti salienti della sua carriera. Viaggiando lungo la penisola, la visione dell'Italia quale depositaria dell'arte del passato si intreccia con l'accoglienza entusiasta riservata agli artisti nordici, tra scambi epistolari, incontri, sperimentazioni, occasioni espositive. Nel pieno del dibattito nostrano sulla questione dello stile nazionale, inoltre, i tanti artisti stranieri che come lui erano presenti nel nostro Paese vi riscoprivano un vivo laboratorio di tecniche, oggetto di rinnovato interesse nelle accademie d'Europa, di cui facevano tesoro una volta tornati in patria. Per questo il nome di Gallen-Kallela merita di essere riscoperto anche da noi, come una voce che, a distanza, può dirci qualcosa di nuovo sulla cultura italiana tra Otto e Novecento.

MARIA STELLA BOTTAI è storica dell'arte, PhD. Formatasi tra Italia, Francia e Finlandia è autrice di pubblicazioni sull'arte a cavallo tra XIX e XX secolo e ha curato mostre internazionali di arte contemporanea. È docente di Storia dell'arte al liceo artistico e di Didattica e metodologia della Storia dell'arte alla Sapienza Università di Roma.