Marilyn Forever

Autore:
Collana: Cinema, Teatro, Video, Musica
Formato: 22 x 24 cm
Legatura: Filorefe
ISBN13: 9788849226478
ISBN10: 8849226470
Ub.int: T091g V14c

Facing English text


Anno di edizione:
Pagine: 80

Fuori Commercio

Contenuto: Con questo libro Giuliana Mariniello prosegue la sua ricerca fotografica sul tema della rappresentazione del ‘femminile' attraverso la figura di Marilyn Monroe, icona per antonomasia della nostra cultura. Il volume contiene 30 fotografie ed è accompagnato dai testi critici dell'autrice (Marilyn Forever), di Bruno Di Marino (Su Marilyn), di John-Raphael Staude (Marilyn Monroe. Mito e archetipo) e da una poesia composta dallo scrittore Silvio Raffo. Le fotografie documentano l'uso delle immagini della diva in vari contesti della vita quotidiana: negozi, mercatini, case, poster o abbigliamento. Il fenomeno ‘Marilyn' viene visto come paradigmatico del processo di ‘reificazione' che connota sempre più il mondo contemporaneo e offre un'occasione di riflessione sul mondo delle immagini e sulla dicotomia realtà-apparenza. Come scrive Bruno Di Marino nella ricerca della Mariniello c'è la “volontà di sollevare il falso velo della felicità che copre quel volto, di demistificare il sex symbol”.

Giuliana Mariniello, docente e studiosa di Letteratura Inglese all'Università di Napoli ‘L'Orientale', da vari anni si interessa degli aspetti teorici della fotografia e porta avanti una ricerca artistica personale. Ha studiato con noti fotografi italiani e stranieri (M. Ackerman, M. Botman, M. Cresci, F. Fontana, D. Kirkland, G. le Querrec e A. Webb) e ha esposto in circa 30 mostre personali e collettive in Italia e all'estero (Parigi, Arles, New York, Los Angeles, Tel Aviv) ottenendo vari premi e riconoscimenti. Tra i temi della sua ricerca: il paesaggio urbano, la rappresentazione del ‘femminile' e il rapporto sacro-profano. In ambito fotografico ha curato varie mostre (G. Berengo Gardin, F. Cito, C. García Rodero e H. Stein) e scritto articoli e saggi come La città visibile (2007), Women X Women (2011) e Sulla fotografia giapponese contemporanea (2013).