Le epifanie di Proteo

Marcello Fabbri per Controspazio 1983-2005

Autore:
Collana: Architettura, Urbanistica, Ambiente
Formato: 17 x 24 cm
Legatura: Filorefe
ISBN13: 9788849214680
ISBN10: 8849214685
Ub.int: T207g T506b V05a

Anno di edizione:
Pagine: 176

Contenuto: È ora di dedicarci a capire "come nasce l'immagine", la costruzione dello spazio, la formazione di uno spazio praticabile, vivibile, generatore di comunicazione e convivenza: uno spazio per una sia pur nuova, futura, inventata, possibile condizione umana.


UN RICORDO SU MARCELLO FABBRI
Dall'introduzione al volume di Antonio Quistelli
Marcello Fabbri fu uno degli "outsider" che io volli in squadra con me alla facoltà di Architettura di Reggio Calabria quando ne ero il Direttore. Un nostro primo incontro c'era stato per un progetto del quale mi ero occupato al tempo del terremoto del Belice. Un uomo acuto, un'intelligenza pronta e una cultura profonda non poteva non riconoscere in lui uno di quei maestri che la fortuna mi ha fatto più volte incontrare. Erano tempi in cui la mia carica di Rettore mi dava grandi poteri e l'uso di risorse economiche che mi consentivano tutta una serie di interventi che non fossero solo diretti alla promozione della Scuola che dirigevo, ma anche alla promozione della vita culturale della città che ci ospitava. Fu cosí che prese vita quel Controspazio che lui suggerí di acquisire passando dalle mani di Portoghesi alle nostre. Marcello era un ispiratore instancabile di tutto ciò che poteva far crescere noi e insieme la nostra città. Era sempre il partigiano, il combattente per la libertà, che continuava la sua battaglia e, questa volta, in un disegno complessivo di avanzamento di idee e di principi. C'era tra noi quella differenza di età che aveva chiamato lui a prendere le armi e me a capire facendo scelte alle quali sono stato costantemente fedele. Lo ammiravo e ne condividevo posizioni e intenti. Non è la prima volta che mi trovo a scrivere per ricordarne la memoria. Mi accadde, a caldo, all'atto della sua scomparsa e sento come in dovere prendere la penna ora, questa volta, per un tributo che quanti lo hanno conosciuto e lavorato con lui sentono di dover dare. Ciao Marcello: sei sempre con noi.