La strada

Elemento costitutivo della qualità urbana

Autore:
Collana: Architettura, Urbanistica, Ambiente
Formato: 17 x 24 cm
Legatura: Filorefe
ISBN13: 9788849201024
ISBN10: 8849201028
Ub.int: T238d V04f

Anno di edizione:
Pagine: 128

Contenuto: La strada è molto di più di un canale di comunicazione o la sede delle reti di servizio, rigidamente definita dagli schemi di ingegneria del traffico; è soprattutto un "luogo", di cui sia immediato comprendere il ruolo politico e simbolico, di scambio sociale e culturale, di mercato e di affari, per incontrare o per stare soli, per "stare fuori". Si possono definire i criteri geometrici o funzionali di progettazione, ma non è agevole individuare esempi da proporre come modelli rappresentativi della qualità urbana o costruire una classificazione tipologica, che tenga conto non solo degli elementi fisici, ma soprattutto del grado di vivibilità, della capacità di essere spazio urbano. Per questo l'unica possibile discriminante assumibile per la scelta di alcune strade da descrivere è il loro rimanere impresse nella propria memoria (e negli appunti). Le ricerche sono state condotte con il contributo di Arturo Grenci, Riccardo Guarnello, Marco Turilli e Roberto Zompí e con la guida del Prof. Allan B. Jacobs, autore di alcune delle illustrazioni.

Riccardo Wallach (Roma 1947) è ricercatore universitario e docente di Urbanistica presso il Dipartimento di Pianificazione Territoriale ed Urbanistica ­ Università degli Studi di Roma ­ "La Sapienza". Nel corso delle esperienze didattiche e di studio maturate presso la Facoltà di Ingegneria dell'Università della Calabria, la Facoltà di Architettura dell'Università di Roma ­ "La Sapienza" ed il College di Enviromental Design dell'Università della California (Berkeley) ha approfondito gli aspetti metodologici e formativi dell'insegnamento della disciplina urbanistica ed ha affrontato i temi di ricerca relativi ai sistemi infrastrutturali come elementi costitutivi della qualità urbana, all'analisi morfologica degli ambienti costruiti storici e degli aggregati periferici non consolidati, alla definizione di criteri metodologici e di strumenti progettuali operativi per la riqualificazione degli insediamenti marginali. Ha inoltre compiuto numerose esperienze applicative attraverso la elaborazione di piani e di progetti alle diverse scale di intervento, oggetto di pubblicazione.