La sinfonia di Emery

Il bambino che parlava attraverso la musica

Autore:
Collana: Letteratura e linguistica
Formato: 17 x 24 cm
Legatura: Filorefe
ISBN13: 9788849233568
ISBN10: 9788849233568
Ub.int: T521A V22A

I edizione. Esaurita


Anno di edizione:
Pagine: 160

Fuori Commercio

Contenuto: Il volume è sostituito dalla nuova edizione La sinfonia di Emery – II edizione (ISBN 9788849234664).

Chi è Emery? Emery è, come tutti noi, un prigioniero. La sua prigione è l'indifferenza del mondo, l'incapacità, tutta contemporanea, di non riuscire a percepire il dolore altrui. Emery è un bambino che parla a quegli adulti, le cui orecchie sono colmate dalla cera dell'odio. Emery è un bambino che riesce a diventare libero grazie alla musica, che fa volare la sua anima via dalla prigione e porta il suo amore in alto dove il chiasso dell'odio non arriva, dove rimangono le orecchie dell'anima, mai sorde e mai compromesse. La musica porta l'amore dove si sente tutto ciò che vale la pena sentire. Dove si sente il battito del cuore colmo d'amore di un bambino. Dove si sentono i gemiti degli amanti che fanno l'amore dietro al sipario del silenzio.

LUDOVICO CRISANTI CUCCHIELLA, nato a Roma, si è diplomato presso l'American Overseas School of Rome. Dopo aver conseguito la laurea triennale in Economics and Business presso l'università LUISS di Roma si è dedicato a tempo pieno alla passione che l'ha accompagnato per tutta la vita: la scrittura. Scrittore bilingue (scrive sia in italiano che in inglese) e studente quadrilingue, è un grande appassionato d'arte ed ama viaggiare. Amante dei musei ha a cuore il Musée D'Orsay di Parigi, l'Hermitage di San Pietroburgo, il Moco e lo Stedelijk di Amsterdam, Il Moma ed il Solomon R. Guggenheim di New York ed il Museum of Contemporary Art Australia di Sydney. Prossimamente visiterà la fundaciò Joan Mirò a Barcelona ed il Centre Pompidou a Parigi, sperando di trovare ciò che cerca da sempre: un modo per legare l'arte visiva all'arte letteraria. E se cosí non fosse spera di tornare con gli occhi pieni di bellezza e la voglia di scrivere un'altra storia che vale la pena raccontare.