Fondamenti di cartografia

Autore:
Collana: Architettura, Urbanistica, Ambiente
Formato: 17 x 24 cm
Legatura: Filorefe
ISBN13: 9788849212624
ISBN10: 8849212623
Ub.int: T211h V02g

Anno di edizione:
Pagine: 224

Contenuto: Collana "Città, Territorio, Piano" diretta da Giuseppe Imbesi n.41

La cartografia è profondamente cambiata soprattutto negli ultimi anni. La rivoluzione informatica, i sistemi di posizionamento satellitari, le necessità di identificare i luoghi per una migliore e sicura mobilità di una società sempre più globalizzata e per gli interventi operativi e di salvaguardia del territorio hanno delineato nuovi scenari nelle tecniche di rilevamento, acquisizione e gestione dei dati geografici. La storia della cartografia mostra non solo l'evoluzione delle conoscenze geografiche e del modo di rappresentare la Terra, ma esprime la necessità di utilizzare le informazioni territoriali del passato per conoscere e confrontare i processi evolutivi dell'ambiente e del paesaggio. I confronti tra documenti realizzati in epoche diverse sono possibili solo se si conoscono i limiti di precisione e di attendibilità ottenuti attraverso le varie tecniche e modalità di rilevamento e di rappresentazione usati anche nel passato.

Antonio Catizzone (Roma 1945), geologo e geografo, è professore di "Rappresentazione del territorio e dell'ambiente" presso la Facoltà di Architettura "Ludovico Quaroni" dell'Università degli Studi di Roma "La Sapienza". È stato direttore di laboratori di "Fotogrammetria" (1978-83) e di "Rilevamento e elaborazione dati" (1986-88), preside della Facoltà di Architettura e Pianificazione Fisica di Maputo (1988-1990) e responsabile dei laboratori d'informatica, presidente del corso di "Diploma Universitario in Sistemi Informativi Territoriali (DUSIT)" (1997-2001) nella Facoltà di Architettura di Roma. Autore di pubblicazioni nei settori della cartografia e telerilevamento, ha diretto i lavori della Carta Tecnica della Regione Lazio a scala 1:10.000 (1990-91) e 1:5000 (attualmente in corso di esecuzione).